Home Articoli Costituzione e Democrazia

Costituzione e Democrazia

di -
L'occasione di cambiare l'architettura istituzionale prevista dalla Costituzione e dalle sue mal concepite modificazioni di inizio millennio, era ed è un'occasione da non sprecare: bicameralismo paritario e federalismo regionalista non reggono. Le nuove modificazioni avevano bisogno di un'elaborazione attenta ai dettagli con ipotesi alternative ben definite nei pro e nei contro.

di -
Il superamento del bicameralismo perfetto e una ridefinizione del ruolo del Senato sono tentativi di risposta al distacco crescente tra i cittadini e le istituzioni. Il disegno di legge di riforma costituzionale presentato al Senato lo scorso 11 luglio, cosi come modificato dalla Commissione affari costituzionali del Senato, prevede un Senato a composizione mista ed eletto in modo indiretto dai Consigli regionali, in cui vi è una sensibile riduzione del numero dei Senatori, che passano da 315 a 100, cosi ripartiti: 74 saranno Consiglieri regionali, 21 saranno i Sindaci e 5 senatori di nomina presidenziale scelti tra i cittadini italiani che abbiano «illustrato la Patria per altissimi meriti nel campo sociale, scientifico, artistico e letterario» (come l’attuale art. 59, comma 2 della Costituzione), con durata settennale e non più vitalizia. Rimane la nomina di Senatore a vita per i Presidenti della Repubblica a seguito della scadenza del settennato presidenziale.
Proposta per la riforma del senato Sergio Ristuccia su Queste istituzioni

di -
Cominciata in Senato la procedura di discussione delle "novelle" della Costituzione sulla base, com'è giusto, del Disegno di legge costituzionale presentato dal Governo (nel testo completo di relazione e articolato redatto infine secondo le regole), si può lasciare da parte ogni attenzione alle polemiche attizzate da esigenze, più o meno comprensibili, di tipo elettorale
Compiti e funzioni di un Senato nuovo

di -
Veniamo ad alcune considerazioni riguardanti le "novelle" proposte in materia di ruolo e compiti del Senato. La prima è questa: il ragionamento ruota sempre e soltanto o prevalentemente intorno alla funzione legislativa con la preoccupazione di non cancellarla in certi campi, quelli riguardanti in particolare le autonomie, e di garantire una possibile presenza del Senato sull' arco completo delle possibili materie oggetto di legislazione. Come dire che l'idea sottostante è quella di onorare il concetto che il Parlamento è il sistema istituzionale del "fare leggi" . Un dato che si dà per scontato ma che, in definitiva, costringe a focalizzare i compiti del Senato sulla questione della sua partecipazione al processo legislativo anche se attraverso strumenti della cui efficacia è lecito dubitare. La seconda è che, in una visione un po' più libera e "laica", si potrebbe ragionare diversamente partendo dal mettere in chiaro quelle funzioni da sempre ritenute proprie del Parlamento che poi di fatto vengono messe ai margini dall'egemonia, vera o presunta (e magari di facciata). del"fare leggi" .
Quali senatori e quali organi ausiliari, ovvero quale riforma del Senato

di -
Le grandi questioni da affrontare a questo punto sono due: che tipo di membri del Senato possono attendere a compiti tanto impegnativi. E cosa sono gli “organi ausiliari”, a chi devono servire ed insomma che senso hanno gli articoli 99 e 100 della Costituzione del 1948. Sulla prima questione c'è da dire che, anche quando ci si voglia limitare alla funzione legislativa occasionale e ridotta, c'è bisogno di senatori in servizio permanente effettivo. La seconda questione è quella del ruolo degli “organi ausiliari” di cui agli articoli 99 e 100 della Costituzione. Il Disegno di legge costituzionale presentato dal Governo prevede la soppressione del Consiglio Nazionale dell'Economia e del Lavoro attraverso la semplice soppressione dell'articolo 99 (in pratica, le cose saranno più complicate, ma non è questo un argomento da affrontare qui) adducendo motivazioni molto elementari.

di -
Cominciamo invece dal CNEL, la cui soppressione è data come un fatto naturalmente acquisito dall'opinione pubblica. Ma al di là delle denunce e delle inchieste sommarie e molto facili sugli "sprechi", quali sono i pensamenti offerti nell'attuale dibattito ? Non molto più che il nulla. Visto che la nostra rivista, ha avuto modo in tempi andati di riflettere sul funzionamento del CNEL, ci è parso utile cominciare da questo tema. Gli interventi che pubblichiamo e quelli che recuperiamo dal passato, sono per ora il nostro contributo per alimentare un dibattito che speriamo di vedere uscire dai confini delle estreme semplificazioni politiche e mediatiche.

di -
La decisione della Corte Costituzionale tedesca (Bundesverfassungsgericht), presa il 7 febbraio scorso dalla Seconda Sezione con 6 voti a favore e 2 contrari ,...